VORTICE POLARE PIÙ FORTE DELLA NORMA, LE SORTI PER FEBBRAIO

VORTICE POLARE PIÙ FORTE DELLA NORMA, LE SORTI PER FEBBRAIO
Spread the love

Ben ritrovati a tutti.

Abbiamo già ampiamente parlato dell’inverno che ha latitato quest’anno sull’Italia.

L’anticiclone regna sovrano su buona parte d’Europa, e il gelo invernale ha regnato a sua volta sugli stati europei settentrionali, e su quelli orientali.

Se dobbiamo dare uno sguardo allo stato attuale del vortice polare, non ci sono molte chance che qualcosa di grosso possa arrivare nel medio termine.

Infatti questo risulta molto forte e compatto per essere febbraio.

Le temperature nel suo core sono nettamente inferiori alla norma a tutte le quote

e questo Unito all indice NAO+ lascia molte perplessità che qualcosa possa cambiare nel breve.

 

Le previsioni mostrano  infatti una NAO positiva nel mese di febbraio.

Questo vuol dire meno possibilità di avere ondate di freddo a causa di una circolazione mediamente zonale, (questo però almeno fino a metà mese). 

Le perturbazioni  tendono così a prediligere il Nord Europa con possibile ripiegamento verso Mar Nero, Grecia e Turchia.

Insomma film già visto e rivisto nelle scorse settimane e anche in questi giorni, con Grecia e Turchia diventate patria del freddo.

Questo potrebbe significare che l’Europa centro occidentale e il mediterraneo, si troveranno ancora per almeno 2 settimane in regime di alta pressione e con temperature nettamente superiori alle medie.

Tutti noi amiamo il gelo e l’inverno vero, e se fosse per noi vivremmo di neve.

Quest’anno abbiamo avuto molti indici a favore e abbiamo visto cosa ci ha riservato l’inverno.

Un inverno che ha latitato ma che non escludiamo possa condizionare l’ultima parte di febbraio e anche marzo.

Tutto il gelo infatti accumulato dal vortice polare dovrà necessariamente essere liberato.

Negli ultimi anni è accaduto frequentemente e non escludiamo che la parte migliore possa avvenire proprio tra fine inverno e inizio primavera.

Una primavera che rischia di essere spazzata via, seguendo le sorti di un inverno che ha preferito altri lidi.

Seguite gli aggiornamenti perché sicuramente il finale sarà diverso da quello che stiamo vivendo.

Un saluto a tutti,

Christian