UN VORTICE POLARE DISTURBATO POTREBBE RISERVARE GRANDI SORPRESE

Spread the love

Buongiorno a tutti.

Ne abbiamo parlato spesso negli scorsi aggiornamenti, quest’anno il vortice polare non sembra essere all’altezza degli scorsi anni.

VORTICE POLARE, STATO ATTUALE E PROIEZIONI

In Italia stiamo avendo un periodo al centro sud piovoso come non si ricorda da tempo.

In controtendenza il nord invece soffre la mancanza di precipitazioni che però, arriveranno nel prossimo weekend.

Torniamo però al vortice polare che dopo una battuta di arresto nei primissimi giorni di novembre, ha ripreso la  Sua corsa verso il raffreddamento.

Se guardiamo però gli indici che riguardanti la temperatura al polo, possiamo notare molta sofferenza.

Notevoli gli sbalzi, che lo rendono piuttosto vulnerabile e quindi soggetto a possibili stratwarming improvvisi.

Avevamo detto a suo tempo, che i tempi per il freddo e il gelo erano prematuri.

È vero  nei giorni scorsi i modelli vedevano a dire il vero, grandi movimenti dall’artico verso il mediterraneo.

Ovviamente erano tendenze per ora smentite, dal momento che i modelli adesso sono indirizzati ad una maggior zonalita’  che si andrebbe a stabilire in Atlantico e in Europa.

Rimangono però dubbi sul proseguimento del mese.

Dubbi alimentati sui cambiamenti dell’ultima settimana.

Basta vedere come il nord Italia, che sembrava spacciato per lungo tempo è rientrato nei giochi per i prossimi giorni.

Quindi occhi aperti nel medio termine e torniamo al vortice polare.

Essendo piuttosto vulnerabile non escludiamo che nei prossimi giorni, potrà essere attaccato su più fronti con la wave 1 e 3 che potrebbe spingere, una wave 2 pressoché assente richiamerà maltempo freddo dai quadranti nord occidentali.(da valutare)

Ad oggi sperare nell’arrivo del freddo da est appare secondo noi piuttosto improbabile.

Contrariamente invece vediamo la possibilità del ritorno del nord atlantico alimentato da aria artica.

Attenzione quindi al periodo dopo il 20 perché grandi novità potrebbero trapelare nei prossimi giorni.

Il modello canadese in contro tendenza inizia a fiutare qualche movimento…vedremo e speriamo che novembre continui sulla buona strada.

Un saluto a tutti..

Christian

 

Lascia un commento