Crea sito

SANREMO SI: NO ALLO SCI

SANREMO SI: NO ALLO SCI

Be’ non so a voi ma a me sa di presa in giro.

Siamo in pandemia, abbiamo restrizioni di ogni genere

non si puo’ uscire dalla regione, dal comune, ancora zone rosse.

Coprifuoco ch e manco in guerra.

E lo sci, uno sport di assoluta individualità, sicurezza e distanza viene ancora recluso.

Io non me lo spiego.

Se c’è un pericolo e se dobbiamo stare attenti  le regole dovrebbero valere per tutti.

<lo sci non si apre, quindi alberghi, negozi e bar e ogni tipo di attività legato alla montagna resta fuori dai giochi, perchè pericoloso.

Ma Sanremo si fa.

La manifestazione canora che ogni anno si svolge nella cittadina della Liguria, tra l’altro dichiarata in questi giorni zona gialla da arancione. Si farà.

Certo con le distanze.

Ma si farà.

Alberghi e ristoranti aperti per lo staff e i cantanti, bene contenta per loro.

Ma mi sfugge il motivo.

Cosi come per il calcio. Ma parlo ora del festival.

La montagna che  da’ da  mangiare a intere famiglie ha il turismo distrutto, ingenti danni e perdite di migliaia di euro, ma è ritenuta pericolosa e non di prima necessità.

Ok.

E il festival di che necessità si tratta?

Viviamo da un anno uno stato di emergenza assoluta, siamo costretti a reprimere ogni tipo di attività e svago perchè potenzialmente pericolosa.

Molte attività sono chiuse, molte famigle costrette a vivere in modo più contenuto e dico va bene si deve fare? si fa.

Ma dovrebbe valere per tutto.

Qualcuno puo’ darmni una spiegazione reale, concreta che si regga su qualcosa di profondo del perchè una manifestazione canora che non interessa più a nessuno è diventata di importanza fondamentale da svoglersi comunque??

E delle palestre, studi di danza , di tutta quella parte di arte che viene trattata dove appunto si creano gli artisti che resrta chiusa??

Eppure si parla di musica di ballo di attività accompagnate da strumenti musicali che un domani potrebbero produrre cantanti. attori coreografi.

Ma si fa il festival.

Chiudiamo lo sport che per eccellenza ha la distanza come regola, ma troviamo il modo di far esibire persone già conosciute e già famose che canteranno l’ennesimo motivo di cui ci scorderemo appena spento il televisore, ma facciamo morire il turismo che praticamente fa sopravvivere l’Italia , visto che abbiamo già affondato le industrie.

Associo Sanremo alle palestre e scuole di danza perchè trattano lo stesso argomento comune, e parlo di questo perchè amando l’inverno e la neve lo sci è lo sport per eccellenza.

Ora qualcuno si indignerà e dirà “occupatevi di meteo”, bè intanto sono un’appassionata e come tale ersprimo cio’ che voglio.

E poi quelli che saliranno in cattedra dico: viviamo nello stesso paese, affondiamo tutti qui non c’è più nord, sud , centro.

Qui si gioca una partita che non è chiara.

Buna serata Barbara