lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeMeteoOndata di freddo glaciale: dicembre porta con sé neve e gelo artici....

Ondata di freddo glaciale: dicembre porta con sé neve e gelo artici. Ecco cosa aspettarsi nei prossimi giorni!

L’inizio di dicembre sembra segnato dall’arrivo di un’ondata di freddo proveniente dalle regioni settentrionali, portando con sé un significativo calo delle temperature. Nonostante l’autunno abbia tardato a manifestarsi, l’inverno sembra intenzionato a fare la sua comparsa con largo anticipo.

Un anticipo di questo freddo si è già fatto sentire nei giorni precedenti, grazie ai venti gelidi provenienti dalle regioni artiche. Tuttavia, in questi giorni si sta osservando un leggero aumento delle temperature, soprattutto nelle regioni meridionali, grazie al ritorno di correnti più miti e umide provenienti da ovest.

Ondata di Freddo
Ondata di Freddo: drastico calo delle temperature e rischio neve

Ondata di freddo: cosa succederà questa settimana

Questa settimana si caratterizzerà per l’arrivo di due fasi perturbate. A partire da ieri, lunedì 27 novembre, le correnti fredde provenienti dalla Porta del Rodano, situata nella Francia sudorientale, contribuiranno alla formazione di un ciclone sui mari, capace di scatenare nubifragi e violente raffiche di vento. È quanto riportato da “IlMeteo.it”.

La prima perturbazione colpirà l’Italia oggi, martedì 28 novembre, portando temperature ben al di sotto delle medie stagionali. Sono previste intense piogge e nubifragi, con il rischio di allagamenti locali nelle regioni di Lazio, Campania e Calabria. Sull’arco alpino, si prevedono nevicate fino a quote molto basse, intorno ai 500 metri, soprattutto sulle Dolomiti. Nel Centro-Nord, ci si aspettano estese gelate fino alle pianure durante la notte e al primo mattino.

Una seconda perturbazione potrebbe raggiungere l’Italia tra giovedì 30 novembre e venerdì 1 dicembre. La fase fredda e movimentata si protrarrà fino alle soglie del primo weekend di dicembre, mantenendo il rischio di neve fino a quote basse.

Si prevede una relativa stabilità delle temperature al Nord, mentre al Sud e in alcune zone del Centro potrebbero verificarsi variazioni termiche, sia in aumento che in diminuzione.

Queste fluttuazioni sono il risultato dell’influenza delle correnti più miti provenienti dai quadranti occidentali, come il Libeccio, e dal Sud, come lo Scirocco, che interesseranno il Meridione. Nelle aree soggette a precipitazioni, ci si aspetta un clima più fresco, mentre nelle zone soleggiate si percepirà un aumento delle temperature.

Weekend di neve e gelo

Osserviamo ora l’andamento verso il prossimo fine settimana. A partire da sabato, masse d’aria particolarmente fredde provenienti dal Nord Europa si muoveranno rapidamente verso l’Italia. Ciò comporterà un significativo calo delle temperature, accentuandosi ulteriormente nella giornata di domenica 3 dicembre.

La giornata festiva avrà un inizio gelido, soprattutto al Nord e in gran parte del Centro, con un’alba caratterizzata da temperature molto basse. Durante il giorno, è previsto un notevole abbassamento dei termometri, con valori che potrebbero diminuire di oltre 12/13°C rispetto ai giorni attuali.

Questo insolito freddo per l’inizio di dicembre potrebbe mantenersi per almeno 3-4 giorni, in attesa di un possibile cambiamento nella circolazione atmosferica previsto per il weekend successivo.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments