NOVEMBRE 1984 COME L’ATTUALE, POI LA GRANDE NEVE

NOVEMBRE 1984 COME L’ATTUALE, POI LA GRANDE NEVE
METEOORSOBIANCO

Buona sera a tutti,
Mentre ci accingiamo dal prossimo lunedì a vivere l’estate di San Martino ,come spesso accade da tradizione, ci tengo a precisare molte similitudini con il mese di novembre del 1984.

Sappiamo tutti cosa successe nel mitico GENNAIO del 1985, eventi storici così importanti, sotto il punto di vista climatico lasciano il segno.

Tutti ricordiamo l’evento, ma sicuramente ben pochi ricorderanno come si sono svolti i mesi antecedenti la grande nevicata che paralizzo’ tutta Italia.

Novembre del 1984 trascorse in modo molto analogo al novembre attuale.
Forti sopra media, caratterizzarono tutto il mese di novembre.

La temperatura registrata a ROMA il 15 novembre fu di ben 22 gradi.

Il mese trascorse con molte perturbazioni atlantiche e il vero freddo solo al polo Nord alle alte latitudini e in Siberia.

Anche la Russia nel mese di novembre era quasi priva di freddo.

La situazione guardando le carte dell’ epoca, sembrava davvero uguale a quella attuale.

Successivamente il mese di Dicembre trascorse nella prima parte in modo anomalo, infatti le precipitazioni atlantiche scorrevano alle alte latitudini, interessando solo le isole britanniche e la Scandinavia.

L’alta pressione proteggeva parte dell’Europa e l’Italia.

Il colpo di scena avvenne con un repentino riscaldamento stratosferico polare, attuatosi alla fine del Dicembre 1984, che scatenò una massiccia discesa di aria fredda verso il bacino del Mediterraneo .
Il gelo dalla Siberia si era impadronito molto velocemente di tutta la Russia, e avanzava verso l’Italia con massicce ed imponenti discese glaciali.

In risposta al gelo arrivato in modo imponente con venti di Burian, il Mediterraneo reagì nei primi giorni di GENNAIO con la formazione di un profondo minimo situato nel Tirreno ,con un vero e proprio ciclone Mediterraneo.

Questo diede origine a fortissime precipitazioni che scontrandosi con l’aria polare diede luogo alla più grande nevicata del secolo.

Città del Nord Italia furono letteralmente seppellite in alcuni casi da oltre un metro di neve.

Ecco Milano in una delle immagini che ancora oggi fa scalpore.

La cosa che rese imponente l’evento in se fu l’estensione delle nevicate che interessarono praticamente quasi tutta l’Italia da Nord a sud.

Lo stato attuale di novembre a me non desta nessun pensiero negativo anzi…

A mio parere bisogna tenere d’occhio giorno per giorno il vortice polare.

Tutto è aperto i giochi iniziano da ora…

Fiducia e occhi all’insù..il bello inizia adesso.

Christian

MUSICA CONSIGLIATA PER LEGGERE L’ARTICOLO