MUTAMENTI E CAMBIAMENTI: RACCOGLIAMO CIO’ CHE DISTRUGGIAMO

MUTAMENTI E CAMBIAMENTI: RACCOGLIAMO CIO’ CHE DISTRUGGIAMO
Spread the love

Prendo spunto dagli ultimi eventi.

Dal fatto che in queste ore in Brasile si stanno verificando delle nevicate in pieno stile  LApponia.

Prendo e scrivo motivata dal fatto che nell’ultimo mese e mzzo circa abbiamo assistito ad una vera rivoluzione della Natura, che come sempre ci mostra quanto è pià grande di noi.

Stiamo attraversando un momento, che dura da un po ma si sa i cambiamenti avvengono nel lungo, che davvero sta travolgendo e stravolgendo le vite di tutti.

Perchè coinvolge tutti in egual modo.

CRONACHE DISASTROSE

Ogni giorno e più volte al giorno la televisione, i media e i social di ogni genere ci mostrano come il tempo(meteorologico) si sta comportando.

E allora le persone cominciano a dire”la natura è impazzita” “la Terra è cattiva” “il riscaldamento globale ci sta uccidendo”

In realtà, prima e parlo di un prima molto lontano non avevamo la televisione che riprendeva in diretta una frana, un nubifragio, un terremoto.

Quindi ora ci sembra tutto molto più grande.

Ma gli eventi sono sempre gli stessi, la pioggia ha sempre il suo scopo, cosi come i terremoti e le super nevicate.

Ricordate il 1985? non parliamo di secoli ma di 35 anni .

Una nevicata pazzesca che per tre giorni ha fermato l’Italia.

Eppure l’Italia è rimasta in piedi, ferma ma in piedi.

Ora se nevica un giorno, la stessa Italia trema, crolla si sgretola.

Cosi come per la pioggia.

Vivo sul Lago Maggiore e vi assicuro che di alluvioni ne ha passate, io stessa ne ho vissute.

Disagi certo, allagamenti, allerte .

Per settimane le passerelle inalzate nelle vie per poter uscire dalle casa perchè l’acqua bussava alla porta.

Ma mai come ora, che dopo mezza giornata di pioggia ci ritroviamo una montagna sulla strada.

COSA E’ CAMBIATO?

Cosa succede allora?

Succede che l’uomo distrugge un pianeta perfetto.

Taglia, disbosca, scava, rompe.

Laddove c’erano boschi e alberi con radici che trattenevano il terreno, ora sorgono case, baite e intere comunità di persone che pur di vedere il Lago dall’alto lasciano che vengano abbatutti alberi

.

Succede che costruiamo strade in mezzo alle montagne, scavando e deturpando  qualcosa che è li prima di noi.

Succede che si fanno esperimenti sottomarini con bombe e in questo modo la crosta terrestre viene stimolata in modo innaturale.

Succede che l’uomo non ha più rispetto nemmeno di se stesso, non puo’ averne di un mondo che lo ospita.

La Natura non ci sta punendo.

La Natura si muove come ha sempre fatto; gli effetti ingranditi e devastanti ai quali stiamo assistendo sono frutto del menefreghismo umano incurante che a tenere in piedi il mondo sia proprio Madre terra e non noi.

Le piogge, i temporali, le nevicate copiose i Tornado ci sono sempre stati.

Sono gli elementi con cui il mondo si è forgiato e modellato.

E si muovono e comportano come sanno fare.

Purtroppo è lo scenario che hanno di fronte che non è più lo stesso.

Potrei citare tanti esempi su come l’uomo mette la sua arroganza di frontre ad un sistema che è assolutamente più grande  e migliore di noi.

MA nel rispetto di chi ha perso tanto e tutto lascio che sia la cronaca a parlare.

Dico solo, e questo è il mio pensiero, che siamo piccoli e assolutamente impotenti ma tutto quello che accade ce lo siamo andati a prendere.

Sono figlia di alluvioni, tante di cui molte hanno scavato il loro passaggio nella roccia, sui muri anche nei cuori.

Ma allora dopo l’emergenza era bello vedere come il lago sconfinasse e dove tutti uniti ci si stringeva per ricominciare.

Laddove finisce il rispetto finisce ogni rapporto.

Vale anche tra uomo e natura.

Barbara

EVENTI ESTREMI 2021

ESTATE 2021 ATTO PRIMO