sabato, Luglio 20, 2024
HomeArticoli Di GiornataMorrissey e la morte di Sinéad O'Connor: cosa ha detto il cantante...

Morrissey e la morte di Sinéad O’Connor: cosa ha detto il cantante inglese

Morrissey lancia un duro attacco contro gli omaggi e i tributi dopo la morte di Sinéad O’Connor. Il musicista britannico critica l’industria musicale per averla ricordata solo dopo la sua morte, senza supportarla quando era ancora viva, dimostrando la sua frustrazione dopo la sua scomparsa.In modo caratteristico, l’ex membro degli Smiths si congeda dall’interprete di “Nothing Compares 2U” e critica l’industria che l’ha voltata le spalle nel corso degli anni.

Cosa ha detto Morrissey su Sinéad O’Connor?
Attraverso il suo sito web ufficiale, Morrissey ha reagito alla tragica morte di Sinéad O’Connor, avvenuta il 26 luglio all’età di 56 anni. Il musicista britannico, che non ha mai paura di dire ciò che pensa, ha salutato l’artista a modo suo.
“Lei aveva così tanto da dare. È stata abbandonata dalla sua casa discografica dopo aver venduto loro 7 milioni di dischi. È diventata pazza, sì, ma mai poco interessante. Non ha fatto nulla di sbagliato. Ha mostrato la sua vulnerabilità con orgoglio”, ha iniziato Morrissey nel suo sentito messaggio che ha anche criticato l’industria.

“C’è odio nell’industria musicale per i cantanti che non si conformano (lo so bene). Non vengono mai riconosciuti fino alla loro morte. Quando non possono più rispondere”, ha lamentato Morrissey sull’industria musicale. “La stanno osannando ora SOLO perché è troppo tardi. Non hanno avuto il coraggio di sostenerla quando era viva e li cercava”, ha sentenziato il musicista.

Morrissey non si è fermato qui e si è chiesto: “Perché si sorprende che Sinéad O’Connor sia morta?”. Inoltre, ha citato altri artisti femminili come Judy Garland, Whitney Houston, Amy Winehouse, Marilyn Monroe e Billie Holiday, che hanno avuto morti tragiche. “Dove vai quando la morte è la migliore fine?”, ha continuato.

Il musicista ha proseguito dicendo che la pazzia dell’industria musicale non vale la vita di un’artista come Sinéad O’Connor e ha apprezzato il fatto che lei abbia parlato di cose su cui molti hanno taciuto. “È stata perseguitata solo perché era sé stessa. I suoi occhi si sono finalmente chiusi nella ricerca di un’anima che potesse chiamare sua”, ha concluso.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments