sabato, Luglio 20, 2024
HomeMeteoMaltempo: Italia messa in ginocchio dal freddo glaciale. Previste grandi precipitazioni e...

Maltempo: Italia messa in ginocchio dal freddo glaciale. Previste grandi precipitazioni e neve a bassissima quota!

Una perturbazione in disfacimento si sta spostando via dalle nostre regioni meridionali, portando con sé le ultime precipitazioni locali di maltempo sul versante tirrenico inferiore. Nel resto d’Italia, al contrario, le condizioni meteorologiche sono stabili. Tuttavia, oggi rappresenta una giornata di attesa prima dell’arrivo di una nuova perturbazione proveniente dall’Atlantico. I suoi impatti saranno avvertiti già questa sera, mercoledì, con le prime nevicate che torneranno a imbiancare le Alpi occidentali.

Tuttavia, sarà da giovedì che i fenomeni associati a questa perturbazione si intensificheranno, portando piogge nelle regioni settentrionali e tirreniche, mentre le nevicate colpiranno a quote molto basse nelle regioni settentrionali. Ecco nel dettaglio cosa ci attende fino a venerdì.

Maltempo
Maltempo, previste nuove perturbazioni per la giornata di giovedì

Maltempo: le previsioni per giovedì

Nelle regioni settentrionali, il cielo appare nuvoloso con maggiore intensità di fenomeni sul versante nordoccidentale, concentrati su Levante Ligure e Alpi. Si registrano piogge e rovesci in Lombardia e Triveneto, con neve a quote comprese tra 200 e 500 metri. Al mattino, sulla pianura piemontese e lombarda centro-occidentale, si osservano piogge miste a neve, con possibilità di fiocchi su Torino e Milano, ma senza accumulo significativo. Nelle prime ore del giorno, potenziali precipitazioni nevose si estendono verso i 300-400 metri sulla pedemontana veneta e friulana, con la tendenza a trasformarsi in pioggia a quote più basse nel pomeriggio. In serata, si intensificano i rovesci sull’est della Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia, mentre si verificano fenomeni più sporadici in Emilia Romagna e Piemonte. Le Alpi vedono neve solo sopra i 1600/1800 metri.

Nelle regioni centrali, si presenta un cielo nuvoloso sul versante tirrenico, con precipitazioni che aumentano nel corso della giornata, soprattutto nelle zone interne fino all’Umbria. In serata, si registrano rovesci anche intensi sull’alta Toscana interna. Sull’Appennino, la neve cade dai 1400/1700 metri, in rialzo nel corso della giornata. Le regioni adriatiche godono di maggiori schiarite e restano prevalentemente asciutte, con l’arrivo di addensamenti e pioviggini tra pomeriggio e sera sulle Marche.

Nel Mezzogiorno, la Campania si presenta nuvolosa con piogge e qualche rovescio in arrivo, estendendosi a Lucania e all’alta Puglia nel corso della giornata. Al contrario, il resto del Sud sperimenta condizioni asciutte con ampie schiarite, soprattutto sulla Calabria ionica e il Salento. In Sardegna, il cielo è nuvoloso con alcune piogge sul versante occidentale, che diminuiscono nel corso della giornata. Le temperature sono in calo al Nord e in aumento al Centro-Sud, mentre i venti si intensificano provenendo da sudovest e sud-sudest.

Previsioni del tempo per la giornata di venerdì

Nelle regioni settentrionali, il maltempo continua e si verifica con piogge e rovesci su Levante Ligure, Emilia Romagna, Lombardia orientale e Triveneto, con intensità localmente elevata, soprattutto nelle zone pedemontane e alpine. Fenomeni più sporadici si manifestano nella zona nordoccidentale, con un aumento della frequenza nel pomeriggio, seguito da una diminuzione in serata. Sono possibili rovesci occasionali su basso Veneto e Romagna, con parziali schiarite durante la giornata, ma con l’arrivo di qualche rovescio serale nell’ovest dell’Emilia. La neve cade sulle Alpi, inizialmente sopra i 1600/1800 metri, ma con un nuovo abbassamento fino a 1000/1200 metri in serata.

Nel Centro, si osservano piogge e rovesci sull’alta Toscana, con intensità anche significative al mattino. Il cielo appare irregolarmente nuvoloso nelle altre aree della regione, caratterizzato da nubi medio-alte e stratificate, senza precipitazioni significative. Altrove, il sole è offuscato da velature o stratificazioni in alto, con una maggiore copertura nuvolosa nelle zone interne del Lazio e della bassa Toscana, e schiarite più ampie in Abruzzo. Nel Mezzogiorno, il tempo è prevalentemente soleggiato, seppur con qualche offuscamento dovuto al passaggio di velature e stratificazioni in alto, con maggiori nuvolosità sull’alta Campania. In Sardegna, il cielo presenta un’offuscata luminosità causata da velature, tendenti a intensificarsi in serata soprattutto sul Sassarese. Le temperature sono in aumento, mentre i venti soffiano tesi o forti da sudovest e sud-sudest.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments