MALTEMPO AL NORD, WEEKEND ALTRO DURO COLPO ALLA PRIMAVERA

MALTEMPO AL NORD, WEEKEND ALTRO DURO COLPO ALLA PRIMAVERA
METEOORSOBIANCO

Buona serata a tutti.

Piogge che stanno interessando in queste ore le regioni del nord Italia, e che piano piano si spostano verso nord est.

Neve a quote alte oggi sulle Alpi ma che in serata torneranno seppur deboli o moderate intorno ai 1300 m di quota.

Domani migliora al nord ovest, mentre al nord est prevarranno acquazzoni a tratti intensi.

Anche al centro piovaschi e temporali sparsi principalmente sul versante tirrenico con neve in appennino al di sopra dei 1000 1300 m di quota.

Venerdì giornata di miglioramento ovunque,  con tempo soleggiato sulla nostra penisola

Attenzione però, perché proprio nel weekend un nuovo colpo duro alla primavera è in agguato!

Un fronte di origine artico scandinavo si gettera’ sull’Europa centrale mentre un flusso caldo di origine africana salirà ad Interessare Spagna Portogallo e Francia sud orientale.

Due configurazioni davvero estreme ed opposte andranno a collidere proprio a cavallo del weekend.

L’Italia sarà proprio terra di mezzo, ma in primis risentirà del flusso più freddo determinando un nuovo peggioramento che di primaverile non avrà proprio nulla.

Le temperature andranno sotto media di molti gradi, configurazione molto simile a quella appena vissuta ma leggermente meno intensa.

Ecco la mappa delle anomalie termiche previste proprio tra domenica e lunedì.

Questo impulso da nord rinnoverà già da sabato,  temporali anche piuttosto intensi in primis al  nord Italia.

Questa volta le regioni maggiormente interessate sarebbero quelle di nord est, e l Emilia.

Più protetto il nord ovest ma non mancheranno venti di favonio che a tratti potrebbero essere forti.

Ventilazione che sarà in aumento su tutto lo stivale, venti piuttosto intensi sul versante tirrenico, Sardegna e alto adriatico.

Il maltempo entro domenica tenderà a spostarsi verso il centro sud.

Piogge  piuttosto estese che interesseranno quasi tutte le regioni specie quelle centrali adriatiche.

Temperature in forte calo quindi che riporteranno la neve a quote medie dalle Alpi agli appennini.

Una primavera che non vuole sapere di partire e un inverno che vuole lasciare ricordo di sé dopo una stagione sotto tono stanno caratterizzando questo maggio anomalo.

E per il lungo possibile altro maltempo ma di questo ne parleremo più avanti..

Buona serata a tutti voi

 

  • Christian