L’ITALIA PIOMBERA’ NEL GELO É BURAN

L’ITALIA PIOMBERA’  NEL GELO É BURAN
Spread the love

Buona serata a tutti.

TANTA troppa carne al fuoco, modelli che ancora sono un po’ distanti specie l’europeo e l’americano ma una cosa è comune.

L’Italia PIOMBERA’  nel gelo già da venerdi con tanta neve in arrivo e questa volta maggiormente al centro sud.

VENERDÌ

Il fronte gelido direttamente dalla siberia, inizierà a coinvolgere le nostre regioni occidentali con deboli nevicate fino in pianura sul Piemonte settentrionale e successivamente  Cuneese e Torinese.

Sarà neve tipica da stau e questa sarà simbolo del momento esatto dell’entrata dell’orso.

Nel contempo una depressione si formerà sull’alto tirreno.

Fiocchi attesi anche sulla Toscana interna già dai 100m e questo significa che la neve potrà comunque arrivare a Firenze Arezzo Grosseto seppur  con fioccate deboli .

Fenomeni in intensificazione la sera e in estensione a Lazio e Adriatico, fino all’alta Puglia con neve dai 100/300m, a tratti anche in pianura.

Neve a Perugia forse fiocchi attesi fino a ROMA che sarà al limite.

SABATO

ENTRA IL MASSIMO DEL GELO IL VERO BURAN.

NEVE DALLA ROMAGNA ALLA PUGLIA CON IL CALSSICO EFFETTO ASE.

Si intensifica il maltempo al centro sud tutto, con neve anche copiosa nelle interne campane calabresi molisane marchigiane abruzzesi.

N9n esclusi fiocchi a Napoli.

Neve copiosa in Basilicata tutta.

Maltempo che anche domenica si accanisce su queste zone ma qua potrebbe entrare in gioco anche la Sicilia con neve fino al piano sulla parte nord orientale.

Temperature di anche – 13 gradi a 850 hpa determineranno gelo pungente su talutta Italia con massime che difficilmente supereranno gli zero gradi.

Neve che potrà interessare in questo frangente mezza Italia mentre il nord rimarrà a guardare.

Gelo forte al settentrione con minime anche vicine ai – 10 gradi di notte probabilmente anche di giorno sotto lo zero.

Ad oggi il freddo potrebbe accompagnare l’Italia per almeno una settimana con effetti nevosi anche per l’inizio della prossima sulle stesse aree.

ATTENZIONE ACCUMULI NEVOSI SU ALCUNE ZONE DEL CENTRO SUD CHE POTREBBERO ESERE DAVVERO INGENTI.

Sarà una situazione da monitorare passo passo.

Per il nord difficile dire ad oggi se l’atlantico riuscirà a scalfire l’alta pressione che tenderà ad avere i suoi, massimi sulla scandinavia.

Questo significa che saranno per ora le regioni più penalizzate per quanto riguarda le precipitazioni.

Analisi passo passo e giorno per giorno…

Con queste configurazioni tutto può succedere.

Accogliamo l’orso a braccia aperte.

Un saluto a tutti e buon proseguimento.

Christian