Crea sito

LA VOCE DEL VENTO

LA VOCE DEL VENTO

In questi ultimi periodi il tempo ha fatto parlare di se, l’Italia presa di mira da trombe d’aria , nubifragi, nevicate inaspettate e caldo soffocante.Tutti che dicono la loro sul cambiamento climatico, su come venga tutto manipolato io non esprimo parere in quanto, e lo dico sempre, non sono un esperta.

Se potessero parlare cosa ci direbbero ?

PIOGGIA

Sono la pioggia e so di non piacere a tutti, sono difficile da gestire almeno cosi’ mi viene detto.Sono un problema per la viabilità,e fastidiosa per le faccende giornaliere, ma ho un compito importantissimo e non posso esimermi dal farlo anche a costo di non piacere a nessuno.IO sono vita, arrivo quando la terra è arsa dalla siccita’,e quando necessita di essere rinnovata per i raccolti che verranno.Abbevero gli animali,e do vigore a montagne e alberi che sono i vostri polmoni, riporto il livello giusto nei fiumi in secca e aiuto i mari e gli oceani a continuare la loro vita immersi nel profondo blu.Non guardatemi male solo pechè si creano le pozzanghere, che vi bagnano al passaggio di una macchina,la buca sulla strada non è opera mia, la maleducazione del conducente non dipende da me.Io sono vita.

SOLE

Eccomi, io piaccio a tutti o quasi, solo che da me volete che brilli sempre, che sia sempre caldo e non faccia mai piovere.Ma questo non è possibile,il mio contributo è fondamentale, ma sarei letale se splendessi ogni giorno,brucerei la terra,renderei aride le montagne e gli alberi smetterebbero di respirare.Fa male prendere i miei raggi per troppo tempo,rendo stanche le persone perchè per il caldo perdono le forze.IO sono vita proprio come la pioggia,ma non sono fonte di gioia, non da solo.

VENTO

Io non piaccio a nessuno, la gente mi odia perchè la rendo nervosa,se sono freddo si chiudono in casa, se sono caldo mi accusano delle loro allergie.IO porto le nuvole,ma spazzo via l’aria che voi umani avete inquinato,aiuto l’impollinazione che serve a creare nuova vegetazione,alimento anche le turbine, almeno una volta e in alcuni paesi ancora oggi è cosi che regolano le dighe e che attivano le centrali elettriche.Sposto le correnti, e contribuisco a mantenere gli equilibri tra le temperature nei vari continenti. Senza di me le stagioni non esisterebbero.Potrebbe essere un eterna estate, o un eterno inverno.E forse nemmeno,perchè la neve ha bisogno delle mie basse temperature.

NEVE

Io so di essere amata, ma spesso sento che dovrei andare solo in montagna, e cadere solo in inverno.Io arrivo quando devo,e non solo per portare la piu grande riserva di acqua chela terra possieda i ghiacciai, che sono frutto di un lavoro di squadra tra me,la pioggia e il vento.Io rallento tutto, e rendo magico il paesaggio, avvicino le persone lontane e le faccio tornare bambine.Non vado solo in montagna, vado dove vedo che serve un po’ di me, dove percepisco che si ha bisogno di leggerezza e felicità.Non guardatemi come portatrice di disastri, quando scendo e lo faccio da sempre, le strade non sono io a renderle impraticabili ma l’uomo che non interviene,le valanghe in montagna avvengono per il troppo caldo,e chi fa escursioni senza conoscere i luoghi sfida una natura che è padrona di casa.

Una voce sorda, in quanto la natura parla esprimendo il prorpio talento, e non credo debba nemmeno giustificarsi.La mia unica domanda è ,se animali e vegetazione vivono i loro ritmi,scanditi dal leggi primordiali che hanno permesso a tutti di evolversi e continuare a vivere, perchè l’unico a non integrarsi in questo sistema è l’uomo?

Magari daro’ voce anche a questo.