LA NEVE E LA CAPACITA’ DI RESTARE BAMBINI

Spread the love

La neve e la  capacità di restare bambini.

Potrei farne un libro.

E dopo averlo scritto lo porterei come una Bibbia in giro per il mondo, perchè questa è la vera magia.

Allora chi mi conosce sa che amo la neve come parte di me, e che l’inverno è uno stato d’animo da cui non esco mai.

Sapete anche che se fosse per me nevicherebbe un giorno si e l’altro anche.

E che se potessi scegliere che scenari avere davanti sceglierei il paese di Narnia, con le luci dell’aurora boreale e le atmosfere natalizie della Lapponia.

Ecco, lo vedete?

Sono ancora una bambina.

E consrvo ogni gioia che la neve sa darmi, anzi la aspetto come quando ero bambina.

Ecco come si dovrebbe affrontare, guardando le cose dalle giuste prospettive.

Posso capire che il freddo per molti sia un problema, ma se pensate a quante cose fa venir voglia di fare: la cioccolata calda, guardare un film sul divano, leggere un libro avvolti dal piumone.

E la Neve? certo per chi lavora è un disagio.

Ma pensate se invece che affannarvi a correre in ufficio o ad arrabbiarvi perchè arriverete tardi ad un appuntamento, non fermate la macchina scendete e con la faccia all’insu’ lasciate che il bambino che c’è in voi si riprenda il tempo che la vita adulta gli ha rubato.

Provate invece di pensare sempre alle cose negative, a lasciarvi andare e rallentare il passo.

Il vostro lavoro sarà sempre là e anche i doveri, ma per una bella nevicata bisognerà aspettare ancora un altro inverno.

E poi quale magia più grande del Natale che si manifesta in questa stagione  che ci riporta e ci istiga a tornare bambini.

Guardare il giusto lato delle cose e sopratutto abbandonarsi senza restrizioni.

Vivere l’inverno con lo spitrito di un bambino, accoglierne la lentezza e il silenzio(che adoro) e sopratutto viversi la neve con la spensieratezza che solo l’infanzia ha saputo darci.

Credo che molta gente non ama la stagione invernale proprio perchè non raggiunge più il bambino dentro di se.

Io non ho mai lasciato la bambina dentro di me, anzi è lei che mi aiuta spesso a vivere in mondo fatto di troppi adulti inesperti che non sanno più essere spensierati e morbidi.

E per morbido intendo, come la neve.