La mattina di Natale

La mattina di Natale
Spread the love

ricordi

E’ la mattina di Natale.

Dormono tutti ma io sono sveglissima.

Non vedo l’ora di scartare i regali, stanotte ho sentito Babbo Natale che arrivava.

Non so esattamente da dove entri perché non abbiamo il camino, ma i regali sono sotto l’albero ho controllato perciò lui in qualche modo è entrato.

I biscotti e il latte non ci sono più perciò ha avuto anche il tempo di fare una piccola pausa.

Sollevo la testa dal cuscino, mi guardo intorno e decido che è ora di uscire dalle coperte.

La casa è fredda, mamma dorme ancora e per questo la stufa è spenta, ma a me non importa.

Metto sopra il piagiama felpato un altro maglioncino e scendo di sotto , perché lo spettacolo dell’albero circondato dai regali non voglio perderlo.

E’ un momento tutto mio, tanto i miei fratelli sono grandi e ne scartano uno solo, che di solito sanno già che cosa è.

Io ogni anno faccio la letterina, ma poi ricevo sempre altro.

Non mi lamento perché mi piace tutto, l’anno scorso avevo chiesto matite colorate e album da disegno, con un libro di favole e ho ricevuto il “Cicciobello” ; quando ho scartato mi sono detta “Babbo Natale ha sbagliato” ma sul biglietto c’era scritto per Emanuela.

Emanuela sono io, a casa tutti mi chiamano così.

Perciò nessun errore.

E nonostante avrei voluto leggere e colorare mi sono divertita un sacco con il mio bambolotto.

Resto un attimo sulle scale e dalla balconata guardo l’albero.

Che bello.

Amo, ho sempre amato il Natale mi infonde calore, famiglia, amore.

Saranno le luci, i pacchi colorati sarà l’inverno e la neve che è scesa, ma questo è il periodo più magico dell’anno.

E lo sarà per sempre.

oggi

Questo uno dei miei ricordi di bambina.

Non ne ho tantissimi, non so perché.

Non so dire se non ricordo tutto o forse ricordo solo ciò che è accaduto.

Ma so che amo il Natale e soprattutto il periodo che lo precede.

L’attesa, la preparazione, le atmosfere.

Del passato conservo volentieri i ricordi belli e pieni di calore.

Quei pochi con la mia famiglia e i miei fratelli.

Ma amo decisamente di più il Natale che ho creato io, negli anni a seguire.

Fatto di tradizioni, come preparare l’albero con i miei figli, con le canzoni di natale in sottofondo mettere su la cioccolata e guardare “La vita è Meravigliosa” come ogni anno.

Oggi più di ieri lo sto aspettando e lo sto facendo nel migliore dei modi.

LA casa sa già di Natale, le decorazioni sono a metà, le luci in posizione.

Natale ti aspetto, come sempre.

Barbara

TRADIZIONE NATALIZIA :PARTE PRIMA

 

TRADIZIONI DEL NATALE :PARTE SECONDA

Lascia un commento