Crea sito

LA LIBERTA’E’ VITA

LA LIBERTA’E’ VITA

Oggi è la giornata della Liberazione.

25 Aprile, la storia.

Ma ad oggi siamo più prigionieri che mai.

Non parlo solo di coprifuoco e pandemia(che  chiaramente legata ad una emergenza sanitaria)

Parlo prigionieri di noi stessi.

Paure, dubbi, incertezze, ansie .

Prigionieri di una società che ci vuole, magri, perfetti , influencer (che a dirla tutta sta parola non  mi ispira nulla sopratutto in questi momenti)

Siamo prigionieri di un mondo che lavora e poi cerca di fuggire dalla realtà nei social.

Io prefersico vivere nel mio mondo.

CAMMINARE ALL’ARIA APERTA

Le camminate in montagna, nei boschi mi riconnettono con la vita

E sono indiscutibili.

In questo fermo è stato pressochè impossibile muoversi, anche perchè ho rispettato le limitazioni alla lettera.

Ma per fituna vivo in un luogo che in ogni direzione offre libertà:il LAgo MAggiore.

Le passeggiate intorno al lago o appena in collina sono state un balsamo, ma non vedo l’ora di riprendere questi angoli di tempo che rubo ad una vita che non mi appartiene.

La libertà non è un opzione, siamo nati liberi.

E va mantenuta e conservata, al di là di leggi e regole. Non è un invito a fregarsene, perchè nella vita alcune regole servono.

MA la libertà di cui parlo io è quella di riconnettersi sempre alla Terra, alla madre Terra con la quale siamo connessi.

Tutto cio’ che riguarda la natura riguarda anche noi.

Personalmente quando sono in montagna e cammino circondata dalla natura, sorvegliata dal cielo , accompagnata dalla maestosità degli alberi so che sono nel posto giusto, nel luogo da dove davvero provengo.

Non dimentichiamoci le nostre origini: non siamo nati vestiti, con la piega fatta e le scarpe.

Ogni passo una conquista, ma ogni conquista ci ha allontanati dalla realtà.

La realtà è che siamo parte di una natura che mai ci punisce, anche quando gli eventi sono estremi.

Le persone danno colpa al vento, ai temporali alle nevicate pazzesche.

Ma la natura si esprime cosi da sempre, non è cattiveria. E non punisce.

Differentemente noi occupiamo un luogo che ci è stato donato e non lo trattiamo con le dovute maniere.

In ogni caso parlavo di libertà.

Ecco, camminare all’aria aperta in mezzo ai boschi, salendo le montagne scoprendo luoghi è l’espressione di libertà che più amo.

questo è il Lago della Valle Antrona dove vado spesso.

 

 

 

La natura ci ha davvero dato modo di godere delle sue meraviglie: attraverso la vista possiamo ammirare luoghi che non potremmo mai immaginare.

Attraverso il tatto il piacere di toccare: io amo gli alberi quando appoggio le mani sulla corteccia ne sento i racconti del  tempo che porta, alcuni hanno centinai di anni e lo trovo fantastico.

E poi abbiamo l’udito: gli uccelli, i suoni della cascata, il torrente che scivola, il temporale in lontananza.

Una musica di note senza pentagramma.

Attraverso il tatto ls possibilità anche di apprezzare la delicatezza di un fiore, e la trasperente scivolosità dell’acqua.

Miracoli della natura.

La libertà non è un opzione, non è scontata e non è una conquista.

E’ dentro di noi, fatene buon uso.

Lascia un commento