LA LEGGENDA DELL’AUTUNNO

LA LEGGENDA DELL’AUTUNNO
Spread the love

Narra la leggenda che il calendario della Luna iniziava e finiva con l’Estate.

Mentre le stelle felici e radiose brillavano nel cielo dalla notte alla mattina, e giocavano a nascondino con i raggi del Dio Sole, la pioggia, la nebbia le foglie e tutte le creature del bosco erano costrette a restare nascoste.

la Luna che dal suo lato oscuro vedeva tutto, capii subito che ben presto la NAtura, gli gnomi e le ninfee delle foreste sarebbero scomparsi se al mondo fossero esistiti solo e per sempre i colori dell’estate.

Ma come fare per far si che le stelle smettessero di brillare sempre,  e che il Sole scaldasse meno con i suoi raggi?

La Luna chiamo a se Madre Natura e il capo dei folletti.

madre natura

E cosi escogitarono un piano: durante le notti di plenilunio tutte le creature del bosco uscivano a colorare le foglie degli ALBERI,  ai folletti falegnami venne dato il compito di tagliare i rami troppo secchi e alle Ninfee del bosco di nascondere tutti i fiori.

 

 

Cosi ad ogni cambio di Luna il bosco cambiava colore, divenendo più freddo e spoglio, i colori delle foglie non riflettevano più i raggi del Sole ed egli imparo’ ad essere meno caldo.

Le stelle capricciose e ballerine capirono  che al cambio della luce dovevano smettere di brillare e fare chiasso, cosi il cielo si oscurava piano piano, e il silenzio albergava tra i rami degli alberi stanchi.

La Luna intanto organizzava nuovi plenuluni ed equinozi, aggiungendo al calendario 4 mesi.

nascono i mesi del calendario autunnale

Naquero cosi Settembre che era il primo mese della stagione chiamata Autunno.

Accompagnato subito dopo da Ottobre e Novembre che lo avrebbero aiutato con le piogge e le nebbie, fino ad arrivare al freddissimo Dicembre.

L’Autunno prendeva colore: dalle foglie dipinte dai folletti, dai fiori nascosti delle Ninfee dalla magia della Luna che nascondeva il Sole e le stelle.

All’AutUnno Madre natura diede il compito di chiudere l’Estate e precedere L’inverno con il potere di conservare, mitigare e silenziare tutto quello che richiedeva una cura.

Il gentile Autunno si svegliò dal grande albero della conoscenza e prese tra le sue cure tutte le creature del bosco.

PROMISE LORO DI ESSERCI DALLA META’ DI SETTEMBRE FINO ALL’INIZIO DELL’INVERNO.

Si mise a creare i frutti del bosco e del sottobosco, soffio venti di rugiuada nebbia e pioggia, spolvero’ le foglie e ne fece tappeti soffici dove riposare.

Dall’alto del Cielo la Costellazione di Perseo decise che sarebbe stata la guida dell’autunno e invio al suo cospetto le Pleiadi che brillarono per lui da Settenbre a Febbraio.

la Leggenda dice anche che per ringraziare la Luna di avergli regalato un posto il gentile Autunno le concesse il colore rosso durante un ciclo di Luna piena, il colore principale dell’Autunno.

Questo secondo me è il gentile Autunno.

(i fatti narrati sono di pura fantasia e di mia creazione)

Barbara

  • 2
    Shares