la Galaverna

la Galaverna
METEOORSOBIANCO

Se ne sente parlare poco,invece è un fenomeno meteorologico molto diffuso negli inverni freddi.

Io la ricordo da bambina,mentre andavo a scuola,allora sul lago gli inverni erano davvero freddi,e gli alberi e la vegetazione intorno sembravano essere rapito da un incantesimo bianco.

In meteorologia la galaverna o calaverna è un deposito di ghiaccio in forma di aghi, scaglie o superficie continua ghiacciata su oggetti esterni che può prodursi in presenza di nebbia quando la temperatura dell’aria è inferiore a 0 °C.

fonte Wikipedia

__044399___img_8888

La galaverna richiede piccole dimensioni delle gocce di nebbia, temperatura bassa, ventilazione scarsa o nulla, accrescimento lento e dissipazione veloce del calore latente di solidificazione. Quando questi parametri cambiano si hanno altre formazioni, come per esempio la calabrosa, che si forma quando le gocce di nebbia sono più grosse e il vento è più forte.

La galaverna si distingue dalla brina perché questa non è coinvolta dal processo di sopraffusione delle gocce d’acqua e si forma per il brinamento del vapore sulle superfici raffreddate a causa della perdita di calore per irraggiamento durante la notte. Le formazioni di ghiaccio, simili alla galaverna, che si producono in assenza di nebbia con temperature molto basse e un’alta umidità relativa dell’aria superiore al 90% possono essere chiamate ugualmente galaverna (in inglese soft rime).[1]

Ciro Chistoni descrisse un fenomeno assimilabile alla galaverna, che egli definì forte brinata invernale. Il fenomeno avviene con cielo inizialmente limpido e con formazione di brina sugli oggetti. Scendendo la temperatura, l’aria raggiunge il punto di saturazione di vapore acqueo e, per la presenza di nuclei di condensazione, si forma una nebbia bassa. In questa situazione avviene la solidificazione delle goccioline d’acqua nella nebbia con formazioni aghiformi di ghiaccio amorfo o cristallino che si sovrappongono alla brina. Il fenomeno sarebbe più frequente in autunno avanzato e più raramente in inverno, in particolar modo su oggetti compresi tra il suolo e quattro-sei metri d’altezza. Data la confusione allora presente tra fenomeni di brinamento e solidificazione della nebbia, è probabile che lo scienziato si riferisse a quella che oggi è la galaverna in senso proprio.

fonte Wikipedia

A me ricorda molto il mondo di Narnia,ricoperto da una coltre bianca che rende tutto misterioso e magico.

Purtroppo un fenomeno che sta scomparendo in quanto ci sono poche gelate,causa le temperature alte.

Ma da vero orso non dispero e conto di vederla ancora.

@orsobiancoice