Crea sito

LA DILATAZIONE DEL TEMPO

Il tempo per noi è prezioso.

Sappiamo quante ore abbiamo di luce, quanti minuti in un ora sappiamo che l’anno solare dura 365 giorni e che il “fattore tempo ” per l’essere umano è fondamentale tanto quanto mangiare e bere.

Viviamo scanditi dal tempo.

Ne siamo ossessionati.

La mattina ci alziamo prima per arrivare in tempo al lavoro.

Calcoliamo il tempo che ci separa dalla fine del turno per tornare a vivere u pezzo di vita prima che l’orario ci dica che bisogna andare a dormire.

Ora poi che abbiamo il coprifuoco il tempo è ancora più prezioso.

Ma lo sapevate che non ha lo stesso scorrere?

la teoria  della relatività ristretta di Einstein

Sapevate che un puilota di aerei invecchia più lentamente della moglie che non viaggia mai?

E che lo stesso Einstein propose anche l’esempio dell’orologio di un viaggiatore su un treno che scandisce il tempo tanto più lentamente rispetto all’orologio dell’osservatore accanto ai binari quanto maggiore è la velocità del treno.

Ma allora forse se viaggiamo nello spazio possiamo davvero fermare il tempo?

L’esempio più veloce per comprendere come funziona sarebbe quello dei Gemelli.

Uno viene spedito nello spazio facendolo viaggiare alla velocità della luce( cosa pressochè impossibile, ma immaginiamo si possa fare).

L’altro resta a terrra.

Il gemello programmato per un viaggio di andata e ritorno, quando rimetterà piede sul suolo terrestre troverà il fratello invecchiato.

si invecchia di più in cima ad una montagna

Questa teori viene applicata anche se cui si sposta in montagna, in quanto la distanza dal centro della Terra è maggiore  e gli orologi corrono più velocemente.

Percio’ abbiamo aria buona neve e passeggiate meravigliose, ma invecchiamo prima.

Einstein ribalto’ anche le credenze di Newton.

Capì che il tempo non è qualcosa di assoluto e che gli orologi non battono tutti alla stessa velocità. Lo capì già quando presentò al mondo la teoria della relatività ristretta: se mi muovo il mio orologio va più lento rispetto allo stesso se rimanessi fermo. Incredibile.

Aggiunse che il tempo rallenta a mano a mano che ci si avvicina ad un oggetto con grande massa: maggiore è l’attrazione gravitazionale subita, più lento scorre il tempo. Ecco spiegato allora perché ad una altitudine elevata il tempo scorre più velocemente che al livello del mare: in montagna sono più lontano dal centro della Terra, sento meno la sua attrazione gravitazionale, quindi l’orologio corre più rapidamente. E io invecchio prima.

https://www.ilgiornale.it/news/cultura/tempo-balla-ritmi-irregolari-e-sui-monti-si-invecchia-1889618.html

E seppur a malincuore comprendo che in montagna inveccio prima, adoro questa teoria che spiegherebbe tante cose sullo scorrere del tempo, e sulle sensazioni che spesso si hanno di giornate o tempi interminabili che non passano mai.

 

 

 

 

 

Lascia un commento