IPOTESI: SECONDA PARTE DI OTTOBRE PIÙ FREDDA

Spread the love

Buona giornata a tutti.

Siamo appena entrati nella ormai classica e ricorrente OTTOBRATA, ma a noi non piace analizzare il caldo anche se poi così caldo non sarà.

Andiamo dunque a vedere quello che potrebbe accadere nel periodo subito successivo, a questo momento di alta pressione che potrebbe aprire le porte al vero autunno, forse inoltrato.

Già intorno, alla seconda decade del mese infatti, i modelli propongono nuove spinte atlantiche tornare in Europa centrale e successivamente sul mediterraneo.

Questo riaprirebbe le porte alla dinamicità con più piogge in arrivo dapprima sul nord Italia e successivamente anche al centro sud.

I modelli ramangono propensi a questa ipotesi seppur il modello americano rimane più incisivo rispetto a quello europeo.

Le temperature in questa, fase calerebbero senza grandi eccessi rimanendo su temperature di inizio autunno.

Solo successivamente potrebbe accadere qualcosa di più interessante con anche “forse” il ritorno di un po’ di freddo prematuro.

Nel lungo termine infatti, il modello americano, che ci permette un’analisi più in là con il tempo potrebbe esserci lo sbilanciamento dell’anticiclone delle Azzorre in pieno atlantico.

 

Questo potrebbe favorire  un ulteriore peggioramento del tempo sul mediterraneo, alimentato anche da aria molto più fredda di estrazione artica Marittima.

 

Se così fosse terza decade dal sapore tardo autunnale con piogge e temperature di metà novembre che riporterebbero la neve a quote medio basse per il periodo.

Ovviamente rimane una tendenza vista la distanza temporale ma il modello americano insiste su questa ipotesi già da qualche giorno.

Non resta che seguire gli aggiornamenti futuri per saperne di più.

OTTOBRATA che non sarà come gli altri anni, ma Che probabilmente quindi avrà i giorni contati.

Un saluto a tutti…

Christian