Inverno si o inverno no nel Medio lungo termine?

Inverno si o inverno no nel Medio lungo termine?
Spread the love

Un saluto a tutti,

Molti di voi sembrano arrendersi davanti alle ultime emissioni dei modelli matematici, ma se guardiamo bene la situazione che ci aspetta, ci accorgeremo subito che di certezze non ce ne sono e soprattutto non prima di una nuova fase fredda.

Nei prossimi 10 giorni il dominio sarà delle correnti fredde questa è una certezza! non un’ipotesi.

Due nuove fasi fredde per merito di nuove correnti questa volta Nord orientali quindi di matrice più continentale, tenderanno ad  interessare anche l’Italia soprattutto sul suo bordo orientale.

Il primo impulso avverrà intorno al  27 28 gennaio, e riporterà instabilità sulle regioni adriatiche e centro meridionale in genere.

Il calo delle temperature favorirà nevicate fino a quote basse su tutto il versante Adriatico,e in appennino. Addirittura non solo escluse fioccate fino a quasi in pianura su Marche e Abruzzo.

Il nord sarà ancora fuori dai giochi, con una ventilazione spesso di favonio, che  riporterà un breve rialzo delle temperature alternato a estese gelate notturne.

Una seconda irruzione molto simile alla prima ,arriverà a fine mese proprio durante i giorni della merla.

Questa sembra che scivolerà  ancora lungo l’Adriatico in modo più veloce rispetto alla precedente.

Aspettiamoci quindi ancora fredde  correnti Nord orientali, con disturbi per lo più al centro sud Italia e neve a quote di bassa collina.

Su questa irruzione permane ancora parecchia incertezza, in quanto anche un minimo spostamento verso Ovest del fronte freddo potrebbe garantire maggior instabilità e freddo più accentuato rispetto alla previsione attuale.

Il Nord in tal frangente rimarrà comunque ancora sottovento, con forti venti di fhoen che spazzerebbero Piemonte e Lombardia.

A seguire proprio per i primissimi giorni di febbraio, sembra che l’anticiclone delle Azzorre , aiutato da tese correnti atlantiche alle medie alte latitudini possa guadagnare terreno sulla nostra penisola.

Confermiamo quindi un aumento della pressione ad inizio febbraio e tempo più stabile con temperature in rialzo.

Quello su cui puntiamo da diversi giorni però , è il periodo verso la fine della prima decade.

Uno stratwarming piuttosto intenso si sta concretizzando proprio in queste ore,

gli effetti di questo surriscaldamento della stratosfera ad oggi i modelli non possono inquadrarli, perché le tempistiche prevedono circa 15 giorni di attesa.

Assurdo quindi ad oggi dare per certo l’inverno finito, perché le ipotesi che i modelli intravedono , solo addirittura Propensi al ritorno di un po’ di Atlantico, che potrebbe riportare nuova instabilità al centro nord in primis.

Se lo sconquasso che avrà Il vortice polare produrrà gli effetti che pensiamo ,non escludiamo che il freddo possa tornare anche intenso alla fine della prima decade del mese in arrivo.

Le ipotesi da noi esposte già nei precedenti aggiornamenti rimangono tali, pertanto vi invitiamo a seguire gli aggiornamenti futuri.

 

Christian

Lascia un commento