IL BEL TEMPO

IL BEL TEMPO
Spread the love

AUTUNNO

 

Ricordo bene ogni anno a Settembre si iniziava facendo previsioni sul calendario calcistico.

Chi vincerà la nuova stagione? Chi sarà la squadra favorita.

E cosi anche per il tempo, ci si chiedeva come sarà questo inverno?

Allora, quando ero piccola Autunno e Inverno erano davvero stagioni importanti.

E l’Inverno era davvero soddisfacente il 1985 ma anche i precedenti e qualcuno dopo ne sono la prova.

Ah! Il Bel tempo.

settembre

Quello dove già a metà Settembre il Sole cambiava tonalità e da rocco acceso diventava giallo pallido, dove l’aria del mattino e della sera pungevano abbastanza da far mettere un maglioncino.

Le foglie degli alberi collaboravano e si staccavano volentieri stanche ed esauste da un estate, calda ma vivibile.

E poi c’erano i detti popolari sul freddo e l’inverno.

Chi diceva che tante nocciole tanta neve, Di Settembre si dice anche che secca le fonti o fa cadere i ponti, nel senso che puo’ non piovere per niente oppure venirne tanta da combinare disastri.

ottobre

Ricordo le passeggiate nei boschi in Autunno inoltrato.

Le castagne cadute a terra i ricci, e un tappeto di foglie di mille colori.

Che bel tempo era quel tempo.

Ora non mi capita più, a volte a Dicembre vedo gli alberi in fiore.

Eppure ho vissuto periodi dove il freddo e la nebbia non avevano rivali.

Ottobre e Novembre regalavasno giornate corte, addolcite dalla foschia e non dal sole accecante, dove era piacevole sedere su di una panchina a leggere un libro.

Belli quei tempi in cui camminare all’aria fredda e gelida era un piacere per i sensi e l’anima.

L’inverno era bello davvero in quel bel tempo che ricordo io.

Alle 4 del pomeriggio il Sole scappava a nascondersi e lasciava il posto alla nebbia fredda e alle goccioline  leggere di falsa pioggia.

Che bello guardare i lampioni avvolti dal buio brillare sotto i fiocchi di neve trasportati dal vento delle montagne vicine dove già nevicava.

Che bello l’inverno prepotente e austero che ghiacciava il naso, le mani e i piedi e solo il calore del fuoco di un camino poteva sciogliere.

Che bello aprire la finestra e sentire il rpofumno della neve che stava arrivando, il temporale in lontanaza, il vento che grida.

Che bvel tempo, il mio tempo.