FREDDO E NEVE DOPO IL 20?TUTTI NE PARLANO MA COSA C’È DI VERO?

FREDDO E NEVE DOPO IL 20?TUTTI NE PARLANO MA COSA C’È DI VERO?
Spread the love

Buona serata a tutti.

Sono giorni che sentiamo parlare dell’arrivo dell’inverno crudo con la prima neve addirittura in pianura.

Cosa che sarebbe possibile certo, seppur piuttosto anomala per il periodo, ma in passato è già successa.

Per analizzare meglio quello che potrà accadere, ci basiamo  sui modelli.

In questa sede ci basiamo sul modello americano che per noi comuni mortali è quello che possiamo vedere più nel lungo.

Seppur  sappiamo bene che spingersi così oltre, fa incorrere spesso in grossolani errori, nulla ci vieta di ipotizzare qualche movimento a riguardo.

Premesso che guardare le carte a così tante ore di distanza è pressoché illusorio, si può provare a stilare una tendenze con molte variabili del caso.

In primo caso abbiamo un vortice polare debole, seppur negli ultimi giorni sta mostrando una lieve ripresa deducibile anche dalla temperatura del suo core, che si sta portando su valori quasi in linea con il periodo.

Però la tendenza della forza dei venti zonali è vista in media al ribasso nei prossimi giorni quindi con possibilità di un nuovo cedimento del VP.

Poi abbiamo un vasto anticiclone che invade ormai l’atlantico da parecchi giorni.

Questo in un modo o nell’altro dovrà trovare un varco, e secondo le ultime emissioni dei modelli potrebbe trovarlo a nord, verso latitudini molto settentrionali.

Questo potrebbe essere un’altro indice favorevole per avere un periodo più freddo verso la terza decade.

 

L’ULTIMA EMISSIONE DEL MODELLO AMERICANO RIPROPONE QUELLO PROPOSTO NEI GIORNI SCORSI.

un’alta pressione spingersi verso le isole britanniche e anche oltre e un richiamo di aria gelida di origine artica verso il mediterraneo.

Va pur detto che stiamo ancora parlando di tendenze alla fine siamo oltre i 10 giorni di distanza.

La possibilità che questo avvenga c’è perché negarlo, ma le probabilità che avvenga con le modalità proposte in questi giorni è un altra cosa.

Addirittura oggi gfs propone una irruzioni artica degna del suo nome, che irromperebbe sull’Italia scavando un minimo di bassa pressione sul mar ligure.

L’irruzione fredda sarebbe tale, addirittura da portare la neve a quote pieneggianti sul nord Italia

e portare il generale inverno a RUGGIRE in modo prematuro.

Anche noi siamo euforici vedendo queste carte, ma per dare una certezza su questa configurazione ne deve passare di acqua sotto i ponti( e di questi giorni ne è passata pure troppa).

Saremo tra i primi ad urlare all’evento, se fossimo a ridosso di qualche giorno, lo sapete bene che non ci risparmiamo a riguardo ma ad oggi è praticamente impossibile dire con che modalità potrebbe arrivare l’aria fredda da nord e addirittura è impossibile dire se l’obbiettivo sarà davvero l’Italia!

Seguiteci e lo vedremo insieme…

Un saluto a tutti e buona serata.

Christian