FREDDO E NEVE DA STASERA POI SERIE DI IMPULSI ARTICI, L’INVERNO INIZIA COSÌ!

FREDDO E NEVE DA STASERA POI SERIE DI IMPULSI ARTICI, L’INVERNO INIZIA COSÌ!
Spread the love

Buona giornata a tutti.

Finalmente possiamo dire che ci siamo!

L’aria artica è ormai alle porte dell’Italia ed entro sera si gettera’  nel mediterraneo, dando vita a profondo maltempo di stampo invernale soprattutto nella giornata di domani.

La parte frontale della perturbazione artica che andrà ad alimentare la  Depressione presente sul mediterraneo avrà i primi effetti tra la serata di oggi e la prossima nottata con piogge che torneranno a bagnare le regioni settentrionali anche se, in modo disomogeneo e debole.

L’aria fredda in quota produrrà un netto calo della quota neve sulle regioni settentrionali, ed entro domani mattina non si esclude  neve o pioggia mista a neve su parte delle sulle  pianure del nord.

ANDIAMO CON ORDINE

 

La giornata di domani inizierà con addensamenti su Lombardia e Triveneto con piogge e locali temporali in Friuli in serata.

MASSIMA ATTENZIONE

L’ESTREMO NORD OVEST SARÀ FUORI DAI GIOCHI SIN DA SUBITO IN QUANTO RIMARRÀ SOTTO VENTO.

ARRIVA LA NEVE AL NORD EST

SUL NORD EST  SARÀ NEVEdai 200/400m, possibili piogge miste a neve nella prima parte della giornata sulle alte pianure della lombardia coreografica.

Ampie schiarite invece al Nordovest sin dal mattino, in graduale avanzamento verso est. Addensamenti però sui confini alpini anche di Piemonte Valle d’Aosta con deboli nevicate fino a quote di fondovalle.

 Piogge in arrivo sulle regioni tirreniche anche con temporali e grandine, in graduale intensificazione sul settore centro-meridionale, specie in Campania, in estensione alla Calabria,

NEVE IN APPENNINO

L’ARIA FREDDA CHE AFFLUIRA’  sarà complice di forte maltempo su tutto il centro sud Italia.

Neve in appennino già dai 600m di quota tra Emilia Toscana Umbria lazio intorno ai 900 1000m su quello meridionale.

Non si escludono durante i rovesci più intensi fioccate a quote più basse specie tra Umbria Emilia e Toscana.

A seguire la settimana in arrivo vedrà un nuovo affondo artico sull’Italia specie orientale con le adriatiche ed il centro sud che avranno maggiori possibilità di neve a bassa quota.

Il nord ovest rimane a secco ma attenzione però ad un nuovo affondo artico di domenica 5 dicembre perché potrebbe creare le basi per un peggioramento a seguire con neve a quote bassissime anche al nord.

Inverno che torna a RUGGIRE come piace a noi.

Seguiteci…

Un saluto a tutti.

Christian