FERMI TUTTI: BURIAN IN ARRIVO

FERMI TUTTI: BURIAN IN ARRIVO
METEOORSOBIANCO

Annunciare la neve, per chi la ama è come sentirsi dire ti amo per la prima volta. Non è retorica, e non è nemmeno una gara a chi vive la stagione migliore, chi ama il freddo ha un anima più profonda, abitata alle basse temperature sa guardare dentro di se, e scovare il calore umano, quello vero.

Per chi ha vissuto quel momento storico, ricordarlo farà di certo bene, sopratutto ora che stiamo navigando in un ondata di calore fuori corso.E’ il Gennaio del 1985 e la televisione, annuncia una nevicata record, fino a un metro in Valpadana.

Dicembre 1984 inizia tutto quando a livello della strtosfera un massiccio riscaldamento polare porta in giu’ due importanti valigie di di aria gelida, uno verso l’Europa settentrionale ed un altro sul Canada. Con la complicità dell’anticiclone delle Azzorre che si spinse fino da noi alle nostre latitudini dando luogo ad una lunga ondata di gelo e neve

PRIMA FASE 5-9 GENNAIO: l’aria gelida in ingresso dalla porta della Bora che soffiò fino 100km/h riesce a formare un minimo di bassa pressione tra la Toscana ed il Lazio con nevicate storiche che interessarono abbondantemente Firenze con 40cm di accumulo (fino a 80cm in val di Cecina) e Roma con 30cm. Meteo Italia

72 ore di pura passione bianca: caddero tra i 70 ed i 90 cm di neve. Il totale dei centimetri di neve caduti raggiunse livelli record: 20 centimetri a Genova, 30 a Venezia, 40 a Padova e Treviso, 50 a Udine e Vicenza, 60 a Biella, 80 a Bologna, 110 a Como, 122 a Varese, Milano la città da bere per tre giorni isolata.

In una giornata come questa dove il caldo non molla la presa rivedere tutto questo, aiuta, almeno un po’.