domenica, Aprile 21, 2024
HomeArticoli Di GiornataEmergenza rincari in Italia per il 23% dei cibi preferiti

Emergenza rincari in Italia per il 23% dei cibi preferiti

In Italia l’emergenza rincari inizia a spaventare. Ben il 23% dei prodotti alimentari preferiti rischia di vedere un aumento significativo dei prezzi, e la colpa è da attribuire al cambiamento climatico. Questa è la conclusione di un recente rapporto presentato da Christian Aid, un’organizzazione di soccorso e sviluppo con legami a 41 chiese cristiane nel Regno Unito e in Irlanda. Il rapporto mette in luce come molti dei prodotti alimentari quotidiani degli italiani, come il caffè, il tonno, le banane e il cioccolato, provengano da paesi in via di sviluppo che stanno subendo gravi impatti climatici, come siccità, caldo e inondazioni. L’emergenza rincari, dunque, si fa sentire.

In particolare, sette dei 25 principali partner commerciali dell’Italia per le importazioni sono paesi con una significativa vulnerabilità climatica e una bassa capacità di adattamento. Questi paesi includono il Brasile, il Vietnam, l’Ecuador, l’India, l’Argentina, l’Uganda e la Colombia. Il rapporto sottolinea che la situazione potrebbe solo peggiorare se i paesi ricchi non manterranno la promessa di investire 100 miliardi di dollari per il clima e di raddoppiare i finanziamenti per le strategie di adattamento entro il 2050, come concordato durante la Cop di Glasgow. Insomma, l’emergenza rincari spaventa, e molti credono che le cose potrebbero anche peggiorre.

A determinare l’emergenza rincari anche i cambiamenti climatici

Un esempio concreto dell’impatto del cambiamento climatico è rappresentato dal caffè importato dal Brasile, la cui produzione è stata colpita da una combinazione di siccità e gelate attribuite al cambiamento climatico. Questi eventi climatici hanno contribuito a far scendere le riserve globali di caffè ai livelli più bassi degli ultimi vent’anni, determinando un aumento dei prezzi sul mercato internazionale.

In breve, il cambiamento climatico sta mettendo a dura prova la sicurezza alimentare globale e avrà un impatto diretto sui costi dei prodotti alimentari preferiti dagli italiani. È imperativo che i governi e le organizzazioni internazionali adottino misure decisive per affrontare questa emergenza climatica e proteggere le filiere alimentari globali. Inoltre, i consumatori possono contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico facendo scelte alimentari più sostenibili e sostenendo politiche ambientali responsabili.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments