domenica, Aprile 14, 2024
HomeClimaEl Niño in arrivo aumento delle temperature fino a 1,5 °C

El Niño in arrivo aumento delle temperature fino a 1,5 °C

Si definisce El Niño quando la temperatura della superficie del mare in gran parte delle regioni equatoriali centrali ed orientali dell’Oceano Pacifico si riscalda significativamente, a volte fino a 2 ℃. Questo calore aggiuntivo a sua volta riscalda l’atmosfera. Durante gli anni di El Niño, questo riscaldamento contribuisce ad un aumento temporaneo della temperatura globale di una frazione di grado.

El Niño colpisce principalmente il clima nei tropici. Gli acquazzoni intensi che normalmente cadrebbero in parti del sud-est asiatico o dell’est dell’Australia, cadono invece sulla costa occidentale del Sud America. Questo cambiamento può causare grandi siccità e alluvioni in diversi continenti, influenzando la produzione alimentare e anche gli sport dipendenti dal clima, come il cricket.

I cambiamenti nel clima in queste regioni possono avere effetti collaterali in tutto il mondo. Anche a migliaia di chilometri di distanza nel nord dell’Europa, El Niño tende a provocare un clima invernale più freddo e secco.

Tuttavia, molti fattori influenzano il clima europeo, specialmente durante l’inverno. Pertanto, è necessario essere cauti nel collegare fenomeni meteorologici insoliti in Europa a El Niño.

Cos’è El Niño e come influisce sul clima mondiale?

L’Oceano Pacifico si estende per oltre 13.000 chilometri dal suo estremo orientale sulla costa sudamericana fino ai suoi margini occidentali vicino all’Indonesia. La temperatura della superficie del mare cambia notevolmente lungo questa grande distanza.

Normalmente, il bordo orientale dell’Oceano Pacifico è in media oltre 5 ℃ più freddo dell’Oceano Pacifico occidentale. Ciò è dovuto principalmente all’upwelling di acqua fredda vicino all’America del Sud, un processo in cui l’acqua più fredda viene estratta dalle profondità dell’oceano.

Oceano Pacifico onde causate da El Nino
Oceano Pacifico

Tuttavia, questo contrasto di temperatura si appiattisce o aumenta ogni pochi anni in un ciclo naturale chiamato El Niño Oscillazione del Sud (ENSO). Durante questo ciclo, la forza dei venti alisei che soffiano verso ovest attraverso il Pacifico può rafforzarsi o indebolirsi, facendo emergere acqua più o meno fredda e scorrendo lungo l’equatore.

Attualmente stiamo entrando in un periodo in cui il Pacifico orientale sarà più caldo del solito: un evento El Niño. Le previsioni suggeriscono che una parte del Pacifico equatoriale, considerato un indicatore chiave dell’ENSO, ha il 50% di probabilità di riscaldarsi di oltre 1,5 ℃ all’inizio del 2024.

La Niña è la fase opposta del ciclo. Al contrario, è caratterizzata da temperature superficiali del mare più fredde in queste acque. Quest’anno ha messo fine a tre anni consecutivi di La Niña.

Maggiori informazioni sul clima

La regione occidentale del Pacifico tropicale presenta alcune delle temperature oceaniche più elevate sulla Terra. L’aria umida tende a convergere qui, creando condizioni instabili caratterizzate dall’aria ascendente turbolenta conosciuta come convezione per i meteorologi. Il risultato di ciò sono nuvole imponenti e piogge intense.

La regione con la temperatura oceanica più alta tende a causare la maggior parte delle precipitazioni. Man mano che le temperature oceaniche più calde si spostano verso est durante El Niño, si sposta anche la posizione della copertura nuvolosa e delle precipitazioni.

Ogni evento El Niño è diverso. Alcuni riscaldano principalmente l’Oceano Pacifico orientale, come l’evento del 1997-98. Altri causano un riscaldamento maggiore nel Pacifico centrale, come nel 2009-10.

Come influisce sul clima?

Nuvole altissime e piogge intense nel Pacifico occidentale creano onde atmosferiche conosciute come onde di Rossby. Queste onde si estendono su migliaia di chilometri e viaggiano lungo le correnti a getto che scorrono verso est e che circondano le regioni di latitudini medie del pianeta. Quando le onde di Rossby interagiscono con le correnti a getto, provocano ondeature.

Oceano Pacifico tempeste
Tempeste nell’oceano Pacifico

Man mano che il clima instabile nel Pacifico si sposta verso est durante un evento di El Niño, influisce sulla posizione dei picchi e delle valli di queste onde di Rossby. Ciò comporta cambiamenti sottili nelle posizioni delle correnti a getto. Queste modifiche alle correnti a getto, che svolgono un ruolo importante nella formazione dei modelli climatici, possono avere effetti notevoli sulle condizioni climatiche in tutto il mondo.

A seconda del movimento specifico della corrente a getto in una determinata area, l’effetto può portare a un clima più caldo o più freddo, nonostante El Niño riscaldi il clima globale nel complesso. El Niño tende a riscaldare leggermente l’Europa in estate e a raffreddare leggermente il nord dell’Europa in inverno.

Le correnti a getto sono fasce di forti venti negli strati superiori dell’atmosfera. Immagini della storia della scienza.

Altre cause del surriscaldamento

Tuttavia, un inverno più freddo del solito in Europa non sicuramente solo causato da El Niño. Il clima invernale europeo è influenzato da diversi fattori oltre El Niño, tra cui le condizioni nell’Atlantico, la quantità di ghiaccio marino nell’Artico e lo stato della stratosfera tra 15 e 40 km al di sopra di noi (che a sua volta può essere influenzata da El Niño).

Aumento delle temperature sulla Terra
Aumento delle temperature sulla Terra

Ad esempio, l’oscillazione quasi biennale, un’inversione regolare dei venti che soffiano molto al di sopra dell’equatore, può alterare i modelli dei venti nella stratosfera. Successivamente, ciò può influenzare la posizione della traiettoria della tempesta dell’Atlantico settentrionale, influenzando il clima invernale europeo.

Ma anche allora, la tendenza al riscaldamento sottostante causata dal cambiamento climatico rende le temperature più elevate più probabili in tutte le stagioni. Insieme, questi altri fattori rendono i segnali climatici di El Niño più difficili da rilevare e prevedere. Pertanto, è necessario essere cauti prima di attribuire anomalie nel clima invernale europeo esclusivamente ad El Niño.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments