DEDICATO A CHI AMA IL CALDO INFERNALE

DEDICATO A CHI AMA IL CALDO INFERNALE
METEOORSOBIANCO

Bene, buonasera.

Una domenica 19 giugno 2022, alle ore 20.45 .

Non  siamo ancora in estate in quanto il solstizio avverrà tra due giorni ma nemmeno in primavera perchè le temperature fuori sono degne del primo girone del’inferno.

Non parlo di quello dantesco ma di quello che gli amanti del caldo tanto attendono: 34 gradi senza aria.

ANCHE SE IMMAGINO CHE PURE LUI AVREBBE DA DIRE.

Allora a parte la grave siccità, ora mentre scrivo penso a tutte quelle persone che sono cotrettea lavorare co il caldo.

Muratori, panettieri anche Vigili del fuoco, tutti coloro che non possono usufruire di aria condizionata oppure dire non lavoriamo, rimandiamo a quando farà più fresco.

Sono sicura che dimentico qualcuno, ma sono certa che capirete l’articolo.

Pensandoci bene qualcuno dirà anche che nemmeno con la pioggia si lavora bene, neppure con la neve.

Certo verissimo, ma i muratori per esmpio se piove o fa troppa neve non lavorano non ne hanno le condizioni, mentre il caldo non è sufficente per farli fermare e quindi lavorano in condizioni al limite.

Penso a chi rifà le strade, con il catrame puo farlo solo con il tempo bello perchè se piove o nevica non ha le condizioni.

Ma il punto non è tanto questo se non che oggi uscendo per fare cose che in settimana non ho tempo di fare, ho notato che in giro non c’era nessuno.

E mi sono detta” eppure sono certa che non sono tutti amanti del freddo come me, ne sono sicura”

Percio mi chiedo, DOVE SIETE ORA TUTTI QUANTI?

Le vostre belle serate estive, il caldo tanto atteso è arrivato.

DOVE SIETE?

Forse in casa con il condizionatore o tre ventilatori?

Magari in alta montagna a prendere il fresco?

Chiusi nelle taverne di casa dove non c’è sole e i muri sono freschi?

Eppure fuori c’è la vostra stagione.

C’è il vostro amato caldo, ci sono le serate da passare fuori si certo con qualche zanzara ma a voi piace l’estate, O sbaglio?

Ad un certo punto vedo i parcheggi del centro commeciale pieni, entro e voilà ccolo il popolo del caldo.

Aria condizionata gratuita spazi aperti bar  e ristoranti lontani dall’afa.

Bella si l’estate, cosi siamo capaci tutti.

Ma i centri commerciali non sono per il freddo? stare al chiuso d’inverno ha senso, ma in estate con tanti bar che ci sono sul lago dove trovo il pieno?

Nessuna traccia in giro di qualcuno che fosse felice che la tanto attesa stagione calda sia arrivata anche in anticipo, eppure credevo foste tutti in trepidante attesa di questo.

Un ora il tempo che sono rimasta fuori nello scenario di “mezzogiorno di fuoco”sempre riferito alle temperature.

Strade deserte, ma il centro commerciale pieno e non è periodo di saldi.

MI PIACEREBBE SAPPERE DAVVERO DOPO TANTO CECARLA COME MAI NON VE LA GODETE.

Ironia fredda la mia, ma dal freddo ci si ripara dal caldo non si scappa.

Buonaserata.

BARBARA

 

 

Lascia un commento