CAPIRE COSA E’ UN TIFONE

CAPIRE COSA E’ UN TIFONE
METEOORSOBIANCO

Nella meteorologia un tifone è un sistema tempestoso, o tipo di ciclone, caratterizzato da un largo centro o vortice di bassa pressione e da numerosi fronti temporaleschi, disposti tipicamente a spirale e in rotazione su sé stessi attorno al centro, che producono forti venti e pesanti precipitazioni piovose nelle aree coinvolte dal loro passaggio.

Questi cicloni si producono in conseguenza del calore  liberato dall’oceano alimentandosi poi grazie al calore latente di condensazione liberato nell’aria dal vapore acqueo in condensazione. Sono diversi da altre tempeste o vortici atmosferici  proprio perché hanno un diverso meccanismo di alimentazione dell’energia. I cicloni tropicali, per questo, si formano sull’oceano vicino all’equatore, a circa 10° di latitudine di distanza da esso, spostandosi poi verso alte latitudini del rispettivo emisfero fino a esaurirsi più o meno lentamente trasformandosi in comuni cicloni extratropicali.

In relazione all’entità e alla zona geografica di formazione di un ciclone tropicale, esso è chiamato in modo diverso: uraganotifonetempesta tropicaletempesta ciclonicadepressione tropicale o semplicemente ciclone.

Come nasce un ciclone.

 Il ciclone è provocato da un complesso di fenomeni atmosferici determinati dalle alte temperature equatoriali che, in certe zone, creano centri di minima pressione e, quindi, di aspirazione. Verso tali centri convergono i venti, seguendo un moto a spirale che determina un vortice. I cicloni si distinguono in tropicali ed extra-tropicali.

Da tempesta tropicale a uragano.

 I meteorologi hanno convenuto di chiamare uragano soltanto i venti di eccezionale intensità. Finché i venti si mantengono sotto i 119 km/h si parla di tempeste tropicali; a velocità maggiori, i cicloni vengono definiti uragani veri e propri e vengono classificati, secondo la Scala Saffir-Simpson, in 5 categorie.

Che cos’è un tornado.

 Con il termine tornado si intende invece una violenta perturbazione atmosferica del tipo delle trombe d’aria delle nostre regioni. I tornado sono frequenti nel Messico e a est delle Montagne Rocciose. Caratteristica dei tornado americani è, oltre all’estrema velocità del vento, la ristrettezza dell’area, di qualche decina o al massimo di qualche centinaio di metri quadrati. I tornado si spostano con una velocità media di circa 50 km/h; la durata del passaggio è di pochi secondi.

 

FONTE FOCUS

ORSO BIANCO DAVID