CARO AUTUNNO TI SCRIVO

CARO  AUTUNNO TI SCRIVO
Spread the love

Come ogni anno, l’autunno porta con se promesse.

E come ogni anno io spero sempre che le mantenga.

Per questo. stavolta scrivo a lui e non al Generale Inverno, che ancora sta organizzandosi al meglio.

COME TI VORREI

Caro Autunno appena iniziato, ogni volta che una foglia cade l’estate si allontana anche se , dopo un inizio promettente il caldo è tornato prepotente sono qui a chiederti di impegnarti quest’anno perché ho davvero bisogno di te.

Sono stati due anni difficili abbiamo appena passato tutti momenti di totale chiusura nelle nostre case dove ha persino nevicato bene e c’era il pericolo di poterla vedere solo dal balcone.

Ma sai, voglio dirti che amo infinitamente la tua sorella Neve lo sai , ma quest’anno ho un gran bisogno della tua presenza.

Perché’? te lo dico subito.

Tu porti calma e riflessione, e qui oltre alla siccità scarseggiamo anche di questo.

Abbiamo bisogno di scegliere cosa è meglio e di riparare i danni che l’uomo distratto è in grado di fare.

Quello che fai tu prendendoti cura delle foglie dopo la maratona calda dell’estate: con estrema delicatezza le stacchi dagli alberi e le posi a terra aspettando che vengano assorbite.

Dai agli alberi con la tua gentilezza il tempo di stiracchiare via il peso della stagione , che li ha visti e voluti sempre verdi, sempre freschi nonostante l’assenza di acqua e li porti verso l’inverno dove finalmente potranno riposare.

Vorrei che insegnassi alle anime buone a quelle più attente a guardarti ogni mentre compi questa magia, insegna loro a lasciar andare tutto quello che ha fatto il suo tempo.

Forse un giorno tornerà migliorato , sotto altre forme oppure avrà compito il suo dovere e non vi sarà distacco doloroso.

Caro amico autunno porta con te le giornate di pioggia, ma quelle vestite di allegra malinconia ( per me lo sono), dove il cielo grigio e la goccia sulle finestre e la luce in penombra mi porta a guardare fuori e pensare che nulla mi consola e conforta più di questo tempo.

Porta con te quei pomeriggi dove i libri che tanto voglio leggere fanno a gara per farsi prendere e insieme ad una tazza di thè e una torta di mele mi tengono compagnia fino a farmi perdere la nozione del tempo.

Portami nei boschi e sulle montagne , fammi camminare in mezzo alla natura mostrandomi nel silenzio i suoi frutti, tra i sussurri degli gnomi e le farfalle che mi seguono e se credi mostrami , sulla strada tutti i cuori che mi sono sempre portata dietro , nelle pozzanghere, nei tronchi d’albero ,sui sassi.

Caro autunno  ti chiedo se puoi , parla con il tuo grande capo, Madre natura emetti una buona parola per quelle poche, ma ti assicuro bisognose persone per bene che hanno davvero bisogno che tu venga con tutto il tuo bagaglio: pioggia, nebbia tappeti di foglie #e temperature sotto i 20 gradi , la luce soffusa che già dalle 16 inizia a diradarsi .

Intanto ti saluto dicendoti che resisterò ancora a questo caldo , ma ti aspetto a braccia aperte.