CANICOLA FINO AL WEEKEND

CANICOLA FINO AL WEEKEND
Spread the love

Buona serata a tutti.

La canicola di questi giorni avviene per colpa della  depressione francese che richiama aria cocente dall’Africa.

Sul suo  bordo destro vengono richiamate calde correnti da sud che risalgono dal Nord Africa verso la nostra penisola.

Insieme al gran caldo le correnti meridionali trasportano anche tanta sabbia che rende spesso velati i nostri cieli soprattutto sulle regioni centro-meridionali.

Purtroppo siamo qua a parlare di diversi record con picchi di anche 44 gradi nel catanese oltre 40 su tutto il sud Italia. 

Un clima decisamente terribile per gli amici del sud, che nemmeno di notte hanno refrigerio, infatti non si scende sotto i 30 32 gradi.

Parliamo di un vero disagio oltre che per il corpo anche per la mente messa a dura prova.

Il centro italia e la Romagna subiscono anch’essi gli inferi africani con le temperature che però si  attestano intorno ai 35 36 gradi.

Decisamente meglio va al nord con temperature nella norma accompagnate da temporali serali che da ovest verso est attraversano parte della pianura Padana.

Nel weekend andrà un po’ meglio.

La perturbazione dalla Francia infatti riuscirà in parte a sfilare verso est a nord delle Alpi.

Questo significa che nella giornata di venerdì il nord in primis sperimentera’  nuovi forti temporali, ma anche al centro sud la canicola entro domenica tenderà a smorzarsi.

Con questo non significa che arriveranno piogge e temporali anzi il tempo si manterrà stabile, ma la cappa cocente ed umida dovrebbe essere rimpiazzata da aria calda più secca, che permetterà un calo delle temperature sia diurne che notturne.

Nel contempo però l’alta pressione tenderà ad abbracciare anche il nord Italia nella prossima settimana con una nuova probabile ondata di calore diffusa ma meno intensa della attuale.

Resta da capire come si muoveranno le perturbazioni atlantiche che però potrebbero portare a quelche fastidio  ancora in primis al centro nord.

Giugno finisce con il record di caldo.

Un saluto a tutti e coraggio..

Christian