BUONGIORNO DAL FREDDO: TORNIAMO A GUARDARE FUORI E AD ESSERE SERENI

BUONGIORNO DAL FREDDO: TORNIAMO A GUARDARE FUORI E AD ESSERE SERENI
Spread the love

Venerdì 17 dicembre.

Il mio giorno perfetto.

Adoro le date che creano scompiglio.

Perché ? Perché non vi è nulla di più assurdo che attribuire a un giorno e a un numero le catastrofi e le sfortune.

 

Un po’ come a carte emissioni e altre tecnologie affidare il tempo.

C’era un tempo in cui si guardava il cielo alla.sera e se al.tramonto era velato di rosso si diceva”rosso di sera bel tempo si spera” invece se le nuvole in lontananza erano nere e minacciose si sapeva che di lì a poco sarebbe arrivato un temporale.

Ad oggi invece non sappiamo più godere di nulla.

Sono diverse mattine oramai e dico menomale che trovo la strada ghiacciata come nei miei inverni preferiti.

Stamattina era come caminare su un tappeto di minuscole stelle brillanti,e anche scivolose.

Fredda l’aria che penetrava dal bavero della giacca, attraverso ogni possibile fessura

Finalmente.

Eppure sento tanto scettismo ancora,che l’inverno non c’è

 

Forse manca la capacità di desiderare ancora e non arrendersi, di non ascoltare solo calcoli e previsioni ma di guardare il cielo come si faceva un tempo e aspettare.

Oggi fa freddo e se guardo fuori vedo finalmente un inverno che ha voglia di esprimersi.

Certo se nevicasse sarebbe tutto più semplice.

Ogni cosa a suo tempo, al tempo la sua stagione.

Buongiorno dal freddo.

Barbara