APPROFONDIMENTO:INDICI CONCORDI, POSSIBILI EVENTI GELIDI A PARTIRE DA NATALE

Eccoci nuovamente ad analizzare il tempo nel long secondo le informazioni che arrivano dagli indici, e in base a quello che crediamo possa succedere.

Abbiamo spesso sentito parlare di AO e NAO  nella Stagione invernale ma cosa sono realmente?

AO ovvero Artic oscillation, quando questo indice è positivo indica un vortice polare molto forte e compatto, con i suoi venti zonali che ruotano a fortissima intensità che non lasciano scappare ondate di freddo al di fuori dei propri confini.

Attualmente il vortice polare ha raggiunto livelli di temperature davvero bassi addirittura sotto scala.



La proiezione però nei prossimi giorni è quella di un inversione di marcia l’indice AO è visto in netto calo fino a divenire negativo.

Ecco quello che significa però per chi mastica poco in questo campo.

Una AO con Gradiente negativo significa bassa pressione alle medie latitudini, e alta nelle regioni polari. Il vortice polare è quindi destabilizzato. A seconda dell’ampiezza del fenomeno il vortice polare può semplicemente tendere a divenire di forma ellittica o arrivare addirittura a scindersi in due o anche tre parti (split del vortice polare).

Queste parti emigrano a sud causando severe ondate di freddo alle medie latitudini.

Dalla nostra parte abbiamo anche la NAO che sembra andrà anch’essa in negativo.


NAO NEGATIVO
Questo indica BASSE probabilità di anticicloni duraturi.

Questo comporta una predisposizione a scambi meridiani alle medie e basse latitudini.

In parole povere ci sarebbero ottime possibilità affinché correnti artiche unite a depressioni nord atlantiche possano insediare il mediterraneo.

Tutti questi indici appaiono oggi favorevoli per avere un finale di dicembre tutt’altro che mite ed anticiclonico.

Noi pensiamo infatti che qualcosa di grosso si stia preparando proprio per le festività natalizie con il gelo che potrebbe arrivare senza grossi intoppi anche in Italia.

Ovviamente ad oggi impossibile dire con che effetti reali ma quest’anno la possibilità di avere un natale e capodanno come i vecchi tempi prende forma anche con le, emissioni dei modelli.

Emissioni che mettono in evidenza grandi masse d’aria artica continentale impattare in Europa e in Italia…

Ne riparleremo nei prossimi giorni…

Seguite gli sviluppi..

Christian